Le 10 cose da non perdere alle Isole Eolie-AvventurIsole Viaggi Isole Eolie

le 10 cose da non perdere alle Isole Eolie

Scegliere le 10 cose da fare assolutamente durante una vacanza alle Isole Eolie non è facile...
abbiamo quindi selezionato quelle che secondo noi vi faranno immergere nell'atmosfera, nella natura, nella storia e nei sapori dell'arcipelago eoliano

 
 SCALATA AI CRATERI DELLO STROMBOLI
Salire fino alla sommità del Vulcano Stromboli è un'esperienza difficile da spiegare a parole. Lo scenario che cambia durante la salita, la vegetazione lascia spazio alla sabbia nerissima mista a cenere, il boato del vulcano che ricorda che la natura è viva , il tramonto che vi sorprenderà arrivati in cima, il cielo con miliardi di stelle sopra di voi saranno solo alcune delle immagini che vi porterete dentro per tutta la vita. E' un'escursione faticosa e non adatta a tutti. In alternativa potrete assistere alle eruzioni del vulcano di notte dalla barca anche questa è una meravigliosa esperienza!

ASSAGGIARE IL PANE CUNZATU
Il pane cunzatu è un viaggio attraverso i sapori semplici e genuini dei prodotti delle Eolie. E' fatto da una grande base di pane, nè troppo morbido nè troppo croccante e poi farcito con una grandissimà quantità di ingredienti. Noi vi consigliamo il "Salina", con pesto di capperi di Salina, cucunci (il frutto della pianta del cappero), pomodorini, melenzane arrosto, una montagna di ricotta infornata, mandorle e mentuccia. Avrete l'imbarazzo della scelta tra i tanti proposti, tonno, mozzarella, olive, acciughe, rucola sono solo alcuni degli ingredienti... Il pane cunzatu eoliano originale lo troverete a Salina Da Alfredo tutto il resto è solo imitazione!


ESCURSIONE NATURALISTICA A LIPARI DALLE CAVE DI CAOLINO A S. CALOGERO
Le Isole Eolie non sono solo mare, sono ricoperte da una ricca macchia mediterranea e soprattutto in primavera regalano colori e profumi delle più ampie sfumature. Il percorso parte dalla Cave di Caolino, località Quattropani e prosegue lungo il sentiero che costeggia il mare, tra palme nane, antichi crateri ormai spenti e rocce a strapiombo fino a raggiungere uno dei più antichi stabilimenti termali del mediterraneo, le terme di S. Calogero. Durate escursione circa 3/4 ore

VISITA AL MUSEO ARCHEOLOGICO EOLIANO DI LIPARI E ALLA ROCCA DEL CASTELLO
Il museo archeologico eoliano Lugi Bernabò Brea, che si trova in uno degli edifici della rocca del castello di Lipari, è tra i più importanti musei archeologici del mondo ed espone gran parte dei numerosissimi reperti rinvenuti durante gli scavi nelle diverse isole. Attraverso i manufatti, gli utensili, i vasi e i corredi funebri farete un viaggio che parte dal 4500 a.C quando alcune delle isole cominciarono ad essere abitate. Dopo la visita non mancate una passaggiata all'esterno, le antiche mura, il parco archeologico, le numerose chiese, le antica prigioni del periodo fascista e il teatro greco da dove potrete godere di una meravigliosa vista.

BAGNO E TRAMONTO ALLA BAIA DI POLLARA A SALINA
I colori dell'acqua e la luce della roccia al tramonto sono uno degli scenari più belle dell'arcipelago delle Eolie. La baia di Pollara è quel che rimane di un grande cratere vulcanico, splendida cornice ai piedi del Monte dei Porri a Salina. Oggi la conca è ricca di coltivazioni di capperi, nella parte bassa rimangono i resti dei vecchi magazzini una volta utilizzati per le imbarcazioni in inverno. Durante le varie fasi eruttive del vulcano, la lava raffreddandosi ha modellato e formato la costa. Lo scenario è meraviglioso da Punta Perciato, il punto più a nord-ovest dell'isola fino all'aspro e ripido versante Ovest.

ASSAGGIARE LE GRANITE DELLE EOLIE
Non si può venire alle Eolie senza assaggiare almeno una volta una delle nostre gustosissime granite. In estate è nostra usanza mangiarla a colazione, di solito nei gusti limone oppure caffè con panna accompagnata dalla brioche col "tuppo". Ma ogni momento della giornata è quello giusto per deliziarsi con una granita, avrete solo l'imbarazzo della scelta tra i diversi gusti: fragola, pesca, melone, mandorla, pistacchio, limone, caffè, fichi, gelsi, more sono solo alcuni....


FARE ALMENO UN'ESCURSIONE IN BARCA
Il mare e le coste delle Isole Eolie sono tra i più belli del mediterraneo e solo con un'escursione in barca potere godere appieno della meraviglia di queste isole ma soprattutto del mare che le circonda. Solo in barca vi avvicinerete alla costa, nuoterete in calette altrimenti irrangiungibili via terra e scoprirete scorci nascosti inaspettati. Se avete la possibilità dovete vederle tutte, sono una diversa dall'altra e non vi stancherete certo di nuotare tra calette, baie e grotte!


TREKKING SUL CRATERE DI VULCANO E BAGNO NELLA POZZA DEI FANGHI
Vulcano è in'isola molto particolare, una via di mezzo tra l'inferno dantesco e la mitologia greca. Isola sacra fin dall'antichità, l'antico nome era Hierà cioè "l'isola sotto la protezione del dio" il mito vuole che a Vulcano soregesse la fucina del dio Efesto. Si dice che la salita al Gran cratere serva da preparazione alla scalata sullo Stromboli. Sicuramente è meno faticosa e riserva un paesaggio immerso in'atmosfera particolare, ginestre, zolfo e fumarole. Lo spettacolo dalla cima è assicurato, è questo infatti l'unico punto in cui si possono vedere tutte le Isole Eolie (difficoltà bassa 2,5 ore circa A/R). Scesi dal cratere vi consigliamo una sosta/bagno alla pozza dei fanghi. L'odore non sarà certo invitante ma è un'esperienza da fare, la vostra pelle e i dolori alle ossa ne trarranno benificio.

MANGIARE IL GAMBERETTO ROSSO DI NASSA CON TUTTA LA "BUCCIA"
E' un gamberetto piccolo che si trova solo in queste isole, vive fra gli scogli e viene pescato di notte con la luna. E'presente tutto l'anno ma più abbondante da Maggio a Luglio. Piatto tipico sono gli spaghetti con pomodorini e gamberetti e guai a togliere la buccia, perderebbe la dolcezza che lo contraddistingue. Consigliamo anche di assaggiarli marinati con olio, limone e prezzemolo oppure fritti con una spolverata di sale e pepe sarà impossibile smettere di mangiarli.

VISITARE ALICUDI L'ISOLA IN CUI IL TEMPO SI E' FERMATO
Alicudi ha una realtà tutta sua e solo vedendola si potrà capire l'atmosfera di un'isola in cui non ci sono strade ma solo mulattiere e l'asino è l'unico mezzo di trasporto, non ci sono negozi ma un solo bar aperto da aprile a ottobre, un piccolo negozio di alimentari aperto tutto l'anno e da Luglio a Settembre sull'isola arrivano anche i giornali. Bisogna avere gambe allenate perchè ad Alicudi si va solo in salita e sono ancora visibili i muretti a secco, risultato del paziente lavoro dell'uomo che ha cercato di strappare alla terra il poco spazio disponibile alla coltivazione. Poche case sparse sulla montagna, alcune ancora senza elettricità, si vive circondati dal silenzio e dal contatto con la vera natura
Facebook